Vis à vis

…Vicinanza fisica, oggi …

Oltre alla nostalgia, emerge sullo sfondo la consapevolezza, ancora indefinita, della propria posizione nella sequenza delle generazioni, la preoccupazione ancora inesprimibile per le tappe della sua vita …

Quanto appena succitato è il succo estremo ed intenso del volto del disagio, così come scaturisce, piccolo esempio, da un incontro tra persone. Non importa se in uno studio professionale o in altra situazione.

.
Non possiamo, o, almeno, io non posso sottrarmi alla vicinanza fisica. Intendo il partecipare a meeting face to face, incontri in person, ovvero incontri umani autentici.
Certo ci sono elementi di protocollo da osservare, regole legate alle note restrizioni, il giallo, l’arancione e il rosso. Ci sono la cautela e il buon senso da mettere in campo. Ok! Occorre osservare il tutto, nel rispetto di se stessi e degli altri.
Ma mi è ben chiaro che, in caso di necessità, di importante necessità, se mi viene richiesto l’incontro personale in presenza io non mi tiro indietro.
Non riuscirò a tirare in ballo decreti o il nome di personaggi pubblici di turno per trovarmi a fare – pretestuosamente – un passo indietro. Come fanno in molti.
Attenzione, anche io sto bene a casa, ritirato e in riposo inatteso, una volta tanto fuori dalla mischia. Magari in opera casalinga su incombenze da anni rinviate.
Ma non è ciò che, soprattutto, desidero.

Io desidero vivere e conto sia un desiderio collettivo.
È così che non va esclusa la possibilità di incontri umani veri, ravvicinati anche se con le dovute precauzioni. Incontri a viso aperto, vis à vis.
Soltanto in questo modo potrà avvenire l’incontro con l’anima dell’altro.

Solo così si potrà elevare la sua parte migliore, grazie allo stimolo di crescita che l’altro riceverà.
Ma questo non potrà che avvenire in un incontro autentico e completo, necessariamente in presenza.

.

Citazione by Rosella De Leonibus

Ispirazioni by Rosella De Leonibus (da I volti del disagio – Cittadella 2020) e Vincenzo Vitillo ( da L’arte dell’incontro umano)

Immagine by Pixabay: A viso aperto


Distanza fisica, vicinanza …

E’ pur vero che, soppesando a braccia incrociate il pro e il contro, facciamo ugualmente onore alla nostra condizione. La tigre si precipita in aiuto dei suoi congeneri, senza la minima riflessione… Che stiamo a fare qui, ecco ciò che dobbiamo chiederci. Abbiamo la fortuna di saperlo.

Mi chiedo spesso in questo periodo, è possibile un avvicinamento fisico tra le persone? Una distanza che sia limitata, che sia una vicinanza nuova?

Non tanto per protesta verso le autorità che impongono distanziamenti vari, e non tanto per reagire a qualcosa di spiacevole ed imposto, ma per “rilanciare” veramente le sfide personali con fiducia verso il futuro, con ritrovato entusiasmo.

Naturalmente nel rispetto delle regole, giorno per giorno in vigore. Questo perché è uno dei modi, in questa situazione, di portare rispetto verso se stessi e verso gli altri.

Tutto il resto è sceneggiata o la narrazione di altro.

Credo sia importante adoperarsi, ognuno per la sua parte, cercando di ricucire strappi, ritrovare abbracci, incontri. Ridare vita a relazioni interrotte, contatti online, saluti digitali, sguardi desiderati e rinviati.

È possibile? La riposta è sì.

Certo – per ora non sarà più come prima – ma non credo sia utile restare nell’assurda posizione di pessimismo e di aspettare ci pensi Godot, quando Godot arriverà. Se arriverà.

Credo che alcune strade si possano percorrere.

Innanzitutto le moltissime opportunità che ci vengono proposte dalle nuove tecnologie.

L’incontrarsi in rete toglie tanti punti forti a cominciare dall’uso dei nostri sensi. In una videochiamata non posso esercitare il tatto, che è sponsor ed artefice della maggior parte delle emozioni primarie. Non posso esercitare il gusto né l’odorato. Posso solo ricorrere all’udito e alla vista, e spesso con difficoltà, per motivi puramente tecnici (per es. rete internet non adeguata) o comportamentali. Ma questa strada ci porta fortunatamente a superare ostacoli di distanziamento fisico che diversamente potremmo inventare solamente con il nostro vecchio telefono.

La mia esperienza degli ultimi video incontri ha portato me e molti altri ad essere collegati a grandi distanze, in un caso con una persona residente in Turchia, in un altro caso tra persone residenti in varie zone del Veneto, infine in un altro caso – il più recente – con una persona che risiede in Puglia.

Senza ricorso ai mezzi tecnologici, che all’estero sono sviluppati da anni, noi non ci saremmo facilmente incontrati anche senza le restrizioni e le paure del Covid-19.

Una collaboratrice ed amica, in occasione di questa pandemia ha messo in piedi stabilmente qualcosa che già funzionava. Dal Veneto si collega settimanalmente con un gruppo di persone che vivono negli USA. Sono tutte donne che risiedono in diversi stati americani e che neanche tra loro potrebbero riunirsi in presenza, se non occasionalmente.

Credo sia importante dare valore a questa opportunità di incontro, senza pretendere che sia la modalità migliore o quella preferita.

Credo sia importante l’obiettivo: favorire una vicinanza tra le persone, anche se diversa.

Poi c’è anche la possibilità dell’incontro ravvicinato fisicamente, che va valorizzato. Ma su questo tornerò in un altro momento.

.

Citazione by Samuel Beckett (da En attendant Godot – Oscar Mondadori 1970)

Foto by Facebook a cura Csv Vicenza (da corso formazione)


Distanze vere

La vera distanza sociale è quella che indica le disuguaglianze.

Quanto è capitato al nostro pianeta e ai suoi abitanti, da circa un anno a questa parte, ha posto in evidenza il tema delle “distanze”. Considerando distanze gli effetti dell’allontanamento fisico tra le persone e le genti. Un allontanamento a tratti caldamente consigliato, indicato, sollecitato e molto spesso reso – più o meno chiaramente – coattivo da norme e decreti. E questo in tutto il mondo, o quasi.

È il cosiddetto “distanziamento”. Ovvero l’atto e l’esito del distanziare che contiene anche le modalità con cui si distanzia qualcosa o qualcuno.

I concetti, usati anche a sproposito, di “distanziamento sociale” oppure, usati in modo corretto solo da alcune fonti, di “distanziamento fisico”, mal rappresentano, ad uno sguardo ampio, quello che è successo e che sta succedendo sempre di più in tema di “distanze”. E che è molto grave, forse più della pandemia.

Certo, non si possono trascurare le gravi conseguenza del virus, in termini di sofferenze fisiche, di morti, di aggravamenti e in termini di disagi, di paure, di angosce e separazioni relazionali (tra generazioni e tra reti parentali e amicali).

Ma non si possono sottacere e lasciar passare come niente fosse i fenomeni che comportano, dati alla mano, un forte distanziamento tra persone e genti dello stesso pianeta. Che il Covid-19 sta facendo accelerare.

Mi riferisco alle disuguaglianze sociali.

Citando la rivista Rocca del novembre scorso, risulta che esiste un distanziamento sociale, che cresce a dismisura, ma che non è quello raccontato tutti i giorni dai media e dai social. “La vera distanza sociale è quella che indica le disuguaglianze”.

Del Covid-19 si continua a parlare come di una delle cause principali della crisi economica in essere e che crea malessere sociale. Ma non è così per tutti.

È vero, come spesso è stato dichiarato, che si allungano le code all’ingresso delle mense dei poveri, ma è anche vero che cresce notevolmente la ricchezza dei ricchi.

Se da un lato la cosa prevedrebbe un aumento del gettito fiscale, a favore di maggiori servizi per la comunità, in realtà questo non avviene, anzi si verifica il contrario grazie alle agevolazioni messe a disposizione dai governi e l’acquisizione – da parte dei soggetti – di consulenze utili a ridurre l’impatto fiscale personale o aziendale.
Dai dati ufficiali risulta che, solo negli USA, tra marzo e metà settembre dello scorso anno, nel mezzo della pandemia, mentre  643 persone vedevano aumentare il proprio patrimonio di 845 mld $, i lavoratori, circa 50 milioni di persone, perdevano il lavoro. Di questi, 14 milioni sono ancora disoccupati. Secondo la banca d’affari italiana più importante, alcuni nomi mondiali del web, pur accrescendo a dismisura i propri utili, sono riusciti a pagare quasi 50 mld $ di imposte in meno negli ultimi cinque anni. Se guardiamo al nostro Paese potremmo avere grandi sorprese.

Infatti ci sono i soliti nomi importanti che si avvantaggiano delle leggi esistenti permissive, dalle quali si sviluppano contratti diffusi e di fame (cococo a 700 al mese).

È anche per questo che, come risulta dai dati disponibili, poco più di 2150 persone/società nel mondo detengono il 60% della ricchezza globale. E questo gruppetto di persone ha più denaro di quanti ne detengono tutti insieme 4,6 miliardi di abitanti del pianeta.

Forse, per dirla ancora con Rocca, “se venisse aumentata la fiscalità sull’1% dei più ricchi applicando mezzo punto percentuale, si potrebbe in un decennio sostenere l’attivazione di 117 milioni di posti di lavoro nell’educazione e nell’assistenza- cura”. E non soltanto questo.

Ma pare non sia questa la “normalità”.

.

Citazione: Milena Gabbanelli

Fonti e ispirazione: Toni dell’Olio – Distanze (Rocca 1/11/2020) – Milena Gabbanelli – Fabrizio Massaro (Corriere della Sera 18/10/2020) – Rapporti Mediobanca – Rapporti Ong Oxfam

Foto by Pixabay: Differenze sociali